Browsing Category

Zafferano

Lumache/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria/ Zafferano

RISOTTO GIALLO CON LE LUMACHE

Le avete mai mangiate le lumache?
Se non le avete mai provate sappiate che non è semplice trovarle, l’azienda Bei Putei però le ha 😉 e io le ho messe nel mio risotto.
E come fa ad averle??? Ci è voluto impegno per cercare prodotti e persone in Italia che coltivano e producono seguendo le regole di una volta, persone che hanno sudato ogni frutto del proprio lavoro, gente a volte difficile da raggiungere ma che è stata cercata e trovata e che ha permesso a BEI PUTEI di portare sulle nostre tavole, cibi genuini e ricercati.
La sbiancatura del riso, ad esempio, viene fatta da macchine con una pietra che ruota in verticale con la giusta potenza di attrito con il chicco, preservando il granello dalle rotture e persino dalle microfessurazioni. ➡️ https://beiputei.com/

Lo zafferano è in stimmi, non in polvere, coltivato e curato con passione dall’azienda La Pieve che dal 2017 in Lombardia coltiva con metodi ecosostenibili e biologici.

L’olio EVO è ancora il buonissimo extravergine di Mammamia Italia, davvero intenso e profumato che vi consiglio davvero di provare ➡️ https://www.mammamiaitalia.com/

RISOTTO GIALLE CON LE LUMACHE
Ingredienti:
Brodo di verdure qb
300 gr di riso Baldo (io Bei Putei)
100 gr di lumache (io Bei Putei)
Mezzo bicchiere di vino bianco
Mezzo scalogno
Olio EVO qb (io Mammamia Italia)
50 stimmi di zafferano (io La Pieve)
Per prima cosa dovrete mettere gli stimmi di zafferano in ammollo in una tazzina o bicchierino per circa 4 ore con 2 dita d’acqua.
Per il brodo di verdure io ho fatto cuocere in abbondante acqua salata, cipolla, sedano e carote.
Per preparare il risotto, fate il soffritto con lo scalogno e un filo d’olio EVO. Poi fate tostare il riso girandolo per un paio di minuti.
Aggiungete le lumache e rosolate per altri 2 minuti.
Adesso aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e sfumate.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo secondo necessità, ci vorranno circa 20 minuti.
Poco prima della cottura versate lo zafferano con la sua acqua e quando sarà pronto dovrete tagliare una noce di burro e mescolarla velocemente nel risotto, per mantecarlo.
Lasciate riposare per 2 minuti e servite.

Antipasti/ Formaggio/ Funghi/ Mozzarella/ Patate/ Secondi piatti/ Senza categoria/ Zafferano

TORTINI DI PATATE FUNGHI E ZAFFERANO con fonduta

Un bel tortino di patate ricco di sapore perché pieno di cose buone.
A cominciare dalla base, le patate dell’azienda agricola Del Fosco che arrivano direttamente da Avezzano, belle sode e gustose, davvero speciali…

Lo zafferano in stimmi dell’azienda agricola La Pieve ha donato colore e sapore ai tortini.

I funghi di Pagnan hanno impreziosito il sottofondo di gusto, creando un piacevole abbinamento con gli altri ingredienti.

TORTINI DI PATATE, FUNGHI E ZAFFERANO con fonduta
Ingredienti:
1 kg di patate (io Agricola Del Fosco)
15 gr di funghi secchi (io Pagnan)
30 stimmi di zafferano (io LA PIEVE)
Una mozzarella
Formaggio grattugiato
Un uovo
Latte per ammorbidire i funghi.
Sale qb
3 tomini per la fonduta

Per prima cosa mettete in infusione gli stimmi di zafferano in una tazzina con 2 dita d’acqua, almeno 4 ore prima dell’utilizzo.
Mettete i funghi a bagno nel latte.
Poi fate lessare le patate (ci vorranno circa 40 minuti ma dipende molto dalla grandezza).
A fine cottura sbucciatele e passatele nello schiacciapatate.
Aggiungete lo zafferano e amalgamatelo alle patate.
Tagliate a pezzetti la mozzarella e aggiungetela al composto.
Aggiungete il sale, le uova, il formaggio grattugiato e i funghi e mescolate.
Prendete gli stampini in alluminio per i tortini, imburrateli e metteteci dentro il composto, riempiendo fino all’orlo.
Infornate a 200 gradi per circa 25 minuti.
Prima si servire capovolgete i tortini nel piatto.
Per preparare la fonduta, mettete in un pentolino antiaderente i tomini tagliati a pezzi, fate sciogliere mescolando.
Versate sui tortini e servite.

Carne/ Pasta/ Primi piatti/ Salsiccia/ Senza categoria/ Zafferano

PASTA RISOTTATA CON SALSICCIA E ZAFFERANO

L’avete mai fatta la pasta risottata???? È un primo piatto spettacolare, pasta cucinata come se fosse un risotto, quindi cotta nel brodo di carne e saltata in padella. In questo modo la pasta assorbe tutto il sapore e ne deriva un gusto squisito.
Io l’ho preparata con i cavatelli di Oro della Terra, belli corposi e sempre al dente e con salsiccia di maiale.
Per dare ancora più sapore ho aggiunto lo zafferano in pistilli di LA PIEVE, prezioso come l’oro e dal sapore intenso.
Potete acquistare anche voi i prodotti di Oro della Terra qui e lo zafferano La Pieve qui.

PASTA RISOTTATA CON SALSICCIA E ZAFFERANO

Ingredienti :
500 gr di cavatelli (io Oro della Terra)
300 gr di salsiccia
60 stimmi di Zafferano (io La Pieve)
Un bicchiere di vino bianco
Brodo di carne
Olio EVO qb (io Oro della Terra)

Innanzitutto dovete avere a disposizione il brodo di carne. Nel mio caso l’ho preparato con biancostato, cipolla, sedano e carote e sale.
Almeno 4 ore prima dell’utilizzo mettete in infusione gli stimmi di zafferano in una tazzina con 2 dita d’acqua.
Tagliate a pezzetti la salsiccia.
Prendete una grande padella e versateci un filo d’olio EVO. Fate rosolare la salsiccia su tutti lati, poi aggiungete i cavatelli crudi. Versateci sopra un bicchiere di vino bianco e fate saltare.
Aggiungete brodo e ricoprite tutta la pasta.
Si dovrà cucinare la pasta come se fosse un risotto quindi regolate di brodo quandonsi asciuga e continuate fino alla cottura.
Proprio alla fine aggiungete lo zafferano con l’acqua di infusione e mescolate.

Formaggio/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria/ Zafferano

RISOTTO ALLO ZAFFERANO E PECORINO AL TARTUFO

Oggi un primo piatto spettacolare… perché in esso si fondono due ingredienti di elevata qualità…
Lo zafferano in pistilli dell’azienda agricola LA PIEVE che non ha nulla a che vedere con lo zafferano in bustine che si compra al supermercato… profumo intenso, colore intenso… un bene prezioso coltivato con amore e sacrificio che tutti noi dovremmo imparare a conoscere e ad acquistare per sostenere le piccole realtà che mettono l’anima in ciò che fanno…
E il pecorino al tartufo di AssaggiAssisi che ha invaso la casa di profumo… e che ho avuto il piacere di assaggiare insieme ad altri salumi e formaggi superlativi, contenuti in una box in legno bellissima, realizzati secondo criteri che conferiscono a questi prodotti una qualità eccelsa….
Andate a dare un’occhiata al loro sito e potrete acquistare questa box oppure le altre disponibili, e utilizzando il mio codice AASCONTO1005 potrete avere uno sconto di 5 euro.
Ecco come contattarli:
shop online: https://www.assaggiassisi.com/negozio
https://www.facebook.com/assaggiassisi
https://www.instagram.com/assaggiassisi
Ed ora vi lascio la ricetta:


RISOTTO CON ZAFFERANO E PECORINO AL TARTUFO

Ingredienti:
Brodo di carne
350 gr di riso carnaroli
150 gr di pecorino al tartufo (io AssaggiAssisi)
50 stimmi di Zafferano in pistilli (io La Pieve)
Mezzo bicchiere di vino bianco
Mezzo scalogno
Sale qb

Per prima cosa mettete in infusione i pistilli di zafferano in una tazzina da caffè riempita a metà di acqua. Deve restare in ammollo per almeno 4 ore affinché rilasci il suo colore.
Per il brodo di carne io ho fatto cuocere 2 pezzi di biancostato insieme a cipolla, sedano e carote in abbondante acqua salata.
Per preparare il risotto, fate il soffritto con lo scalogno e un filo d’olio EVO. Poi fate tostare il riso girandole per un paio di minuti. Adesso aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e sfumate.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo secondo necessità, ci vorranno circa 20 minuti.
Aggiungete lo zafferano e mescolate.
Quando sarà pronto dovrete grattugiarci sopra il pecorino al tartufo, per mantecarlo. Girate molto velocemente per farlo assorbire.
Lasciate riposare per 2 minuti e servite.

Calamari/ Gamberi/ MTC/ Pesce/ Piselli/ Primi piatti/ Senza categoria/ Vongole/ Zafferano

La Fideuà con mazzancolle, vongole e ciuffetti di calamari e la salsa di piselli

Bella questa sfida, davvero ragazze dell’MTC, era da tempo che volevo mettermi alla prova con una ricetta spagnola e la fideuà è esattamente quello che ci voleva per soddisfare la mia voglia di sperimentare.
Sono sempre più convinta che la scelta di far parte della grande squadra dell’MTC sia stata una scelta grandiosa. E’ meraviglioso accorgersi di quante cose posso fare, cose che senza questa sfida forse non avrei mai fatto!!!
Questo mese per di più, ho imparato a fare il dado in casa!!! Si, io che a questo non avevo mai pensato, adesso ho capito che c’è un abisso tra quelli comprati al supermercato e quelli artigianali. 
La fideuà l’ho preparata domenica a pranzo e ho praticamente obbligato Luca e 2 cari amici a fare da cavie!!! Alla fine io ho mangiato una piccola porzione e loro hanno fatto il bis!!! Cavie soddisfatte e curiose di testare le prossime ricette per L’MTC!!!!!
Felice e soddisfatta vi presento la mia versione:

LA FIDEUÀ CON MAZZANCOLLE, VONGOLE E CIUFFETTI DI CALAMARI 
ACCOMPAGNATA DA SALSA DI PISELLI

Ingredienti :
Per la fideuà
550 gr di spaghetti spezzati
10 pomodorini ciliegini
400 gr di ciuffetti di calamari
400 gr di vongole veraci
18 Mazzancolle
Una bustina di zafferano
Curry
1 dado di carne fatto in casa (ricetta dell’MTC qui)
1 spicchio d’aglio
Olio EVO
400 gr di piselli
Un peperoncino
Pepe
Per il brodo
Un litro d’acqua
2 dadi di carne fatti in casa (ricetta dell’MTC qui)
Per la salsa
400 gr di piselli
Olio EVO
Sale
Mezzo spicchio d’aglio
Procedimento:
Per prima cosa mettete a 
bagno le vongole con una mangiata di sale grosso per farle spurgare. E’
sufficiente un’ora, poi scolatele e sciaquatele.
Preparate il brodo semplicemente mettendo a bollire l’acqua
con 2 dadi di carne fatti in casa.
Prendete una padella molto larga e dai bordi bassi e fate
soffriggere un filo d’olio EVO e saltateci gli spaghetti spezzati affinchè
prendano colore e si tostino ma senza bruciarli. Metteteli da parte.
Nella stessa padella aggiungete olio e versateci le vongole
che, con il calore si apriranno. Mettetele da parte, in una pentola con
coperchio per mantenerle calde.
Nella stessa padella,  aggiungete olio e il dado di carne, fate cuocere
i ciuffetti di calamari e mettete da parte.
Per ultimi cuocete i gamberi (devono solo essere scottati da
entrambi i lati).
Lavate e tagliate a metà i pomodorini.
Nella padella scaldate l’olio con lo spicchio d’aglio,
rosolate e aggiungete i pomodorini. Allungate con un filo di brodo e
scioglieteci lo zafferano. Insaporite con il curry, un po’ di pepe e il
peperoncino.
Adesso dovrete versare il brodo, in quantità sufficiente a
coprire la pasta che verserete.
Versate gli spaghetti spezzati nel brodo. Dopo 5 minuti di
cottura aggiungere i piselli, i ciuffetti di calamari e le vongole.
Continuate  a
mescolare affinchè la cottura sia uniforme e, se serve, aggiungete del brodo.
A fine cottura disponete le mazzancolle sopra alla fideuà.
Per preparare la salsa di accompagnamento vi basterà mettere
in un mixer i piselli, un filo d’olio EVO, un pizzico di sale e mezzo spicchio
d’aglio e tritarli tutti assieme. Versatela in una ciotola.
Con questa ricetta partecipo alla sfida di marzo dell’MTC
Buona settimana amiche carissime,
More