Browsing Category

Riso

Lumache/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria/ Zafferano

RISOTTO GIALLO CON LE LUMACHE

Le avete mai mangiate le lumache?
Se non le avete mai provate sappiate che non è semplice trovarle, l’azienda Bei Putei però le ha 😉 e io le ho messe nel mio risotto.
E come fa ad averle??? Ci è voluto impegno per cercare prodotti e persone in Italia che coltivano e producono seguendo le regole di una volta, persone che hanno sudato ogni frutto del proprio lavoro, gente a volte difficile da raggiungere ma che è stata cercata e trovata e che ha permesso a BEI PUTEI di portare sulle nostre tavole, cibi genuini e ricercati.
La sbiancatura del riso, ad esempio, viene fatta da macchine con una pietra che ruota in verticale con la giusta potenza di attrito con il chicco, preservando il granello dalle rotture e persino dalle microfessurazioni. ➡️ https://beiputei.com/

Lo zafferano è in stimmi, non in polvere, coltivato e curato con passione dall’azienda La Pieve che dal 2017 in Lombardia coltiva con metodi ecosostenibili e biologici.

L’olio EVO è ancora il buonissimo extravergine di Mammamia Italia, davvero intenso e profumato che vi consiglio davvero di provare ➡️ https://www.mammamiaitalia.com/

RISOTTO GIALLE CON LE LUMACHE
Ingredienti:
Brodo di verdure qb
300 gr di riso Baldo (io Bei Putei)
100 gr di lumache (io Bei Putei)
Mezzo bicchiere di vino bianco
Mezzo scalogno
Olio EVO qb (io Mammamia Italia)
50 stimmi di zafferano (io La Pieve)
Per prima cosa dovrete mettere gli stimmi di zafferano in ammollo in una tazzina o bicchierino per circa 4 ore con 2 dita d’acqua.
Per il brodo di verdure io ho fatto cuocere in abbondante acqua salata, cipolla, sedano e carote.
Per preparare il risotto, fate il soffritto con lo scalogno e un filo d’olio EVO. Poi fate tostare il riso girandolo per un paio di minuti.
Aggiungete le lumache e rosolate per altri 2 minuti.
Adesso aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e sfumate.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo secondo necessità, ci vorranno circa 20 minuti.
Poco prima della cottura versate lo zafferano con la sua acqua e quando sarà pronto dovrete tagliare una noce di burro e mescolarla velocemente nel risotto, per mantecarlo.
Lasciate riposare per 2 minuti e servite.

Formaggio/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria/ Tartufo

RISOTTO CACIOTTA E PEPE AL TARTUFO

Un buon risotto non guasta mai 🤣🤣
Il mio è un piatto particolare, con caciotta di pecora in mantecatura e tartufo a freddo… no comment 😜
Il riso è qualità Roma dell’azienda Riso Zeme che si trova a Zeme in Lomellina (PV), produttori di riso a filiera controllata. Supervisionano ogni passaggio della produzione e conoscono la storia di ogni singolo granello di riso. Sono una ZPS (Zona a Protezione Speciale) perchè sul loro terreno si riproducono alcune specie autoctone (principalmente garzaie e altri tipi di aironi), i loro terreni e le modalità di lavorazione rispettano l’ambiente anche in virtù dei loro simpatici ospiti. Aderiscono al programma “Misure Agroambientali” della C.E. per la salvaguardia dell’ambiente (minima lavorazione del terreno, utilizzo del sovescio, salvaguardia della biodiversità) ➡️ https://risozeme.it/

La caciotta di pecora, usata in mantecatura, arriva da un’azienda sarda, Sacraberia che produce latte e latticini di capra. Forse non sapete che i latte di capra, dopo quello di asina, è quello più simile al latte materno, per questo ideale per i bambini. È un latte da scoprire per apprezzarne le qualità. Guardate sul loro profilo quante golosità producono 😋

Per il mio piatto ho scelto un olio molto intenso, Olio Rosapepe campano, è la massima espressione di olive coratine e frantoiane coltivate in modo naturale e senza aggiunta di componenti chimiche. Anche la bottiglia è molto invitante 😊, vi invito a provarlo utilizzando il mio codice MORENAINCUCINA per avere 5€ di sconto ➡️ https://www.oliorosapepe.it/

E la salsa al tartufo utilizzata nel piatto è di Terre Nobili, da loro potete trovare davvero tantissimi prodotti in cui il tartufo è protagonista, ma lo è davvero, il suo profumo ti assale appena apri la confezione e il suo sapore è vero e intenso ➡️ https://www.terrenobili.it/

RISOTTO CACIOTTA E PEPE AL TARTUFO

Ingredienti:
Brodo di verdure qb
500 gr di riso Roma (io Riso Zeme)
150 gr di caciotta di pecora (io SACRABERIA)
Un bicchiere di vino bianco
Mezzo scalogno
Sale qb
Pepe nero macinato qb
Olio EVO qb (io Olio Rosapepe)
2 cucchiaini di salsa con tartufo (io Terre Nobili)

Per il brodo di verdure io ho fatto cuocere in abbondante acqua salata, cipolla, sedano e carote.
Per preparare il risotto, fate il soffritto con lo scalogno e un filo d’olio EVO. Poi fate tostare il riso girandolo per un paio di minuti. Adesso aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e sfumate.
Aggiungete un bel po’ di pepe nero macinato.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo secondo necessità, ci vorranno circa 20 minuti.
Quando sarà pronto dovrete tagliare la caciotta di pecora a pezzi e versarla nella pentola con il riso, per mantecarlo. Girate molto velocemente per farlo assorbire.
Lasciate riposare per 2 minuti e servite.
Mettete la salsa di tartufo direttamente nel piatto al momento di servire. A piacere, se vi piace di più potete saldarla leggermente prima di utilizzarla.

Fagioli/ pomodoro/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria

RISOTTO AL POMODORO E CANNELLINI

Oggi risotto!!! Adoro i primi piatti, li vedrete spesso nel mio profilo. Un ottimo riso Baldo cotto nella passata di pomodoro e insaporito dai fagioli cannellini bianchi.
Il riso baldo è di Riso Zeme, è un riso sostenibile e di qualità superiore. La pilatura avviene tramite Lavorazione a Pietra di Secondo Grado, un metodo artigianale (il vecchio “Metodo Amburgo”, quasi in disuso oggi perchè lento e dispendioso) molto più delicato rispetto a quelli utilizzati in genere, che garantisce al nostro riso tre caratteristiche peculiari:
1. mantiene le proprietà organolettiche e nutrizionali
2. è composto solo da chicchi interi
3. tiene la cottura molto a lungo
La passata di pomodoro è eccezionale, prodotta da Orticoltura Gandini, è un prodotto nichel free quindi assolutamente adatto agli intolleranti al nichel, tutta al naturale, solo pomodori Gandini e sale. È una passata senza OGM, senza conservanti e con un contenuto di nichel inferiore 0,01 mg/kg, solo il gusto intenso dei pomodori.
I fagioli Cannellini sono dell’azienda Franzese che opera nel settore alimentare dedicandosi alla produzione, al confezionamento ed alla commercializzazione di conserve alimentari. La pluriennale attività dell’azienda costituisce un bagaglio d’esperienza che consente di proporsi sul mercato con nuovi prodotti e nuove confezioni studiate per rispondere alle esigenze e gusti nuovi dei consumatori.

L’olio EVO utilizzato per il mio risotto è l’olio Rosapepe prodotto al 100% con olive campane. Ha proprietà antiossidanti, Riduce il colesterolo, previene le malattie cardiovascolari, insomma è un olio davvero prezioso oltre ad essere molto saporito.
www.oliorosapepe.it


RISOTTO AL POMODORO E CANNELLINI
Ingredienti:
Brodo di verdure qb
500 gr di riso Baldo (io Riso Zeme)
Una lattina da 400 gr di Fagioli Cannellini (io Franzese)
200 ml di passata di pomodoro (io Orticoltura Gandini)
Mezzo bicchiere di vino rosso
Mezzo scalogno
Sale qb
Olio EVO qb (io Rosapepe)

Per il brodo di verdure io ho fatto cuocere in abbondante acqua salata, cipolla, sedano e carote.
Per preparare il risotto, fate il soffritto con lo scalogno e un filo d’olio EVO. Poi fate tostare il riso girandolo per un paio di minuti. Adesso aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e sfumate.
Aggiungete la passata di pomodoro precedentemente riscaldata in un pentolino per non dare lo shock termico al riso.
Dopo 10 minuti di cottura aggiungete i fagioli e mescolate.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo secondo necessità, ci vorranno circa 20 minuti.
Quando sarà pronto dovrete tagliare una noce di burro e versarla nella pentola con il riso, per mantecarlo. Girate molto velocemente per farlo assorbire.
Lasciate riposare per 2 minuti e servite.

Antipasti/ Riso/ Senza categoria

SUSHI DI BRESAOLA

La bresaola non si mangia solo con olio e limone! Esistono mille modi per utilizzarla in cucina, alcuni dei quali sono davvero originali e golosi.
È il caso della mia ricetta di oggi, il sushi di bresaola 😃
Fette di bresaola di qualità di Marco d’Oggiono, e riso Carnaroli di Riso Zeme, condito con zucchine biologiche di Bioexpress.
Tutti e 3 sono fornitori eccellenti e che vi consiglio vivamente:
🌍 Marco d’Oggiono è specializzato nella vendita di salumi che solo a guardarli fanno venire voglia di mangiarli… e vi assicuro che sono strepitosi.
https://www.marcodoggiono.com/
🌍 Riso Zeme produce e vende il riso con la gemma nella valle Lomellina, garantendo sempre controlli e qualità in ogni chicco… infatti il sapore è senza paragoni.
https://risozeme.it/
🌍 Bioexpress vende frutta e verdura di stagione con consegna veloce a domicilio, garantendo sempre freschezza e qualità. www.bioexpress.it


SUSHI DI BRESAOLA
Ingredienti:
100 gr di Bresaola di Chianni (io Marco d’Oggiono)
150 gr di riso Carnaroli (io Riso Zeme)
1 zucchina (io Bioexpress)
Sale qb
Lavate e tagliate la zucchina a piccoli cubetti. Fatela lessare in acqua bollente per 10 minuti.
Fate bollire il riso in acqua salata per 18/20 minuti.
Scolate riso e zucchine e mettetele in una terrina, mescolate e lasciate raffreddare.
Fate riposare in frigorifero per un paio d’ore.


A riposo completato, stendete su un piano di lavoro una pellicola per alimenti, disponeteci sopra le fette di Bresaola come vedete in foto, poi riempite con il riso e zucchine.
Arrotolate le fette intorno al riso, aiutandovi con la pellicola.
Chidete a caramella e lasciate in frigorifero fino all’utilizzo.
Poi tagliate il rotolo a fette di circa 2 centimetri e servite.

Formaggio/ Funghi/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria

RISOTTO AI FUNGHI MANTECATO CON TOMA DAL BOT

A casa nostra i risotti sono molto apprezzati, di solito almeno.una volta alla settimana lo prepariamo.
Un’occasione in più ci è stata data da Riso Zeme che mi ha permesso di assaggiare il suo riso, ottenuto con un metodo di pilatura artigianale lento e delicato che permette di conservare le proprietà organolettiche e nutrizionali e garantire una maggiore tenuta della cottura. Ed infatti è stato così…
Il risotto, come sapete, si abbina perfettamente con i funghi Porcini, per questo ringrazio Pagnan, azienda che dal 1921 produce e vende, funghi di alta qualità… un profumo intenso mi ha invasa all’apertura della confezione… e il sapore finale non ha deluso le mie aspettative.
Per la mantecatura ho utilizzato la Toma dal Bot del Caseificio VALVARAITA, un formaggio realizzato con latte parzialmente scremato, dalla consistenza compatta, che può essere mangiato crudo, come aperitivo, ma che io.ho scelto di utilizzare in un risotto perché la mantecatura fosse più saporita e cremosa.
Potete acquistare questo ed altri formaggi a km0 sul sito https://www.caseificiovalvaraita.com/ e utilizzando il mio codice MORENA avrete uno sconto del 10% su una spesa minima di 60 euro. Vi avviso anche che sul sito, troverete anche una sezione dedicata ai salumi e alle tisane 😉 CORRETEEEEEE


RISOTTO AI FUNGHI MANTECATO CON TOMA DAL BOT
Ingredienti:
Brodo di verdure qb
500 gr di riso carnaroli (io Riso Zeme)
20 gr di funghi Porcini secchi (io Pagnan)
200 gr di Toma dal Bot (io Caseificio VALVARAITA)
Un bicchiere di vino bianco
Mezzo scalogno
Sale qb
Olio EVO qb
Per il brodo di verdure io ho fatto cuocere in abbondante acqua salata, cipolla, sedano e carote.
Mette in ammollo i funghi in una tazza, ricoperti con latte tiepido.
Per preparare il risotto, fate il soffritto con lo scalogno e un filo d’olio EVO. Poi fate tostare il riso girandolo per un paio di minuti. Adesso aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e sfumate.
Continuate la cottura del riso aggiungendo brodo secondo necessità, ci vorranno circa 20 minuti.
Aggiungete i funghi e mescolate.
Quando sarà pronto dovrete tagliare la toma del Bot a pezzi e versarla nella pentola con il riso, per mantecarlo. Girate molto velocemente per farlo assorbire.
Lasciate riposare per 2 minuti e servite.