Browsing Category

Lievitati

Lievitati/ Pane-Focacce-Pizze/ Senza categoria

MINI BAGUETTE ALLE NOCI

Il profumo del pane caldo è forse uno dei migliori odori al mondo… e se ne avessi il tempo lo impasterei ogni giorno…
Oggi vi mostro come fare i filoncini o baguette alle noci, ma potete anche decidere di farlo con le olive o con ciò che preferite.
Io ho utilizzato una farina tipo 1, che è particolarmente adatta per questo tipo di preparazione. Farina prodotta da Molini del Ponte, coltivata in Sicilia a mille metri di altitudine nell’ambiente incontaminato delle Madonie.
Potete acquistare i prodotti nel loro sito:
https://www.molinidelponte.com/


MINI BAGUETTE ALLE NOCI
Ingredienti:
500 gr di farina di grano tenero tipo 1 (io Molini del Ponte)
300 ml di acqua tiepida
6 gr di lievito di birra fresco (un quarto di panetto)
10 gr di sale
1 cucchiaio di miele
2 cucchiai di olio EVO (io Molini del Ponte)
100 gr di gherigli di noci (io Benvenuto Nocciole)

Fate sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, aggiungendo un cucchiaio di miele e 2 cucchiai d’olio. Mescolate.
Nella ciotola della planetaria mettete la farina e il sale e mescolate per bene.
Aggiungete anche i gherigli di noce a pezzettini e mescolate.

Versateci sopra l’acqua col lievito e impastate con il gancio fino a completa incordatura.
Ungete una ciotola grande e mettete l’impasto a lievitare coperto con pellicola e con uno strofinaccio, per almeno 4 ore.

Trascorso il tempo di lievitazione, riprendete l’impasto e formate dei filoncini da inserire nello stampo per mini baguette. Io ho utilizzato lo stampo con i fondi squadrati, per ottenere dei lati precisi, senza esagerare con la quantità di impasto per ognuno, per evitare la crescita eccessiva verso l’alto con la conseguente “bombatura” della superficie, ma se non avete lo stampo potete formare i filoncini con le mani e disporli su carta forno, oppure fare dei panini.

Preriscaldate il forno a 220 gradi e mettete sul fondo un pentolino con dell’acqua. Aspettate che l’acqua si scaldi, poi cuocete il pane per 25/30 minuti.
Dopo i primi 20 minuti è consigliabile togliere il pentolino con l’acqua affinché si formi la crosta sulla superficie del pane. Se invece volete che il pane resti più morbido possibile, lasciate il pentolino nel forno.

Antipasti/ Gorgonzola/ Lievitati/ Mozzarella/ Pane-Focacce-Pizze/ Salame/ Senza categoria

PIZZA IN TEGLIA CON SALAME PICCANTE E GORGONZOLA

A casa nostra la pizza è sempre stata il piatto preferito da tutti, la preparo una volta alla settimana, mio marito la esige!!!!!! E devo dire che è davvero buona!
Anche i miei figli la adoranooooo!
Questa volta ho provato la versione con salame piccante e gorgonzola, un accoppiamento sublime!
Il segreto per rendere la pizza leggera è usare poco lievito… molti pensano che ce ne voglia tanto e che debba essere proporzionato alla farina, ma in realtà la differenza sta nel tempo di lievitazione. Poco lievito ha bisogno di più ore di lievitazione, tanto lievito lavora più velocemente ma rende l’impasto pesante e difficile da digerire. Ecco la mia pizza:

PIZZA IN TEGLIA CON SALAME PICCANTE E GORGONZOLA

Ingredienti per una teglia:
250 gr di farina 00
250 gr di farina Manitoba
300 ml di acqua tiepida
2 cucchiai di olio EVO (io Oleificio Serranova)
4 gr di lievito di birra fresco (un sesto di cubetto)
12 gr di sale fino

Per farcire:
500 ml di passata di pomodoro a
2 cucchiai d’olio EVO
2 mozzarelle
200 gr di gorgonzola dolce
Una ventina di fette di salame piccante
Preparare l’impasto la mattina per usarlo a cena o addirittura la sera prima, più riposa, meglio è.
Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, aggiungendo un pizzico di zucchero per attivarlo. Aggiungere anche 2 cucchiai d’olio EVO.
Miscelate la farina 00 e la Manitoba, aggiungete il sale.
Versate il composto liquido sulle farine e impastate col gancio in planetaria o a mano.
Ungete una terrina e metteteci l’impasto, coprite con pellicola e con uno strofinaccio poi mettete a lievitare lontano da sbalzi termici, io lo metto dentro al forno chiuso.
Mettete la passata di pomodoro in un pentolino con un pochino d’olio EVO e il sale e lasciatelo cuocere perché non sappia di crudo, ma senza aggiungere nient’altro. Lasciatelo andare mentre stendete la pizza.
Al momento della preparazione riprendete l’impasto che sarà aumentato di volume, ungete la placca da forno spargendo l’olio con le mani, così le avrete unte per riuscire a prendere l’impasto senza che si appiccichi.
Stendete nella teglia schiacciando con la punta delle dita e lasciando la crosta spessa.
Fate riposare l’impasto per un quarto d’ora o più.
Prendete la passata e versatela sulla pizza.
Infornate a 240 gradi per 8 minuti, intanto tagliate la mozzarella e il salame piccante.
Trascorsi gli 8 minuti tirate la pizza fuori dal forno e procedete con la farcitura: mettete mozzarella, salame e gorgonzola sulla pizza e infornate per altri 10 minuti o fino alla croccantezza desiderata.
Questa operazione è necessaria affinché la mozzarella non si asciughi, per questo motivo la cuocio in 2 step.
Sfornate e insaporite con un filo d’olio a crudo.
Ed ora affondate i denti!!!!!!!!

NOTE:

➡️ La farcitura ovviamente può essere modificata a vostro gradimento

➡️ Usare un buon olio è essenziale per il sapore finale

➡️ La passata di pomodoro può essere sostituita con polpa di pomodoro 🍅

Focaccia/ Lievitati/ Mozzarella/ Pane-Focacce-Pizze/ Prosciutto/ Secondi piatti/ Senza categoria

Focaccia in padella a lievitazione istantanea

Quante volte noi donne di casa abbiamo bisogno di ricette facili e veloci? Davvero tante… da quando sono diventata mamma la necessità è triplicata, il tempo è sempre meno e se prima riuscivo a dedicare giornate intere alla realizzazione dei miei piatti, adesso mi rendo conto di quanto sia utile e conveniente avere un cassetto magico pieno di ricette dell’ultimo minuto. Da ciò nasce la mia voglia di sperimentarle e qui ne trovate un ottimo esempio. La focaccia in padella è un’ottima soluzione per mangiare una deliziosa focaccia senza dover aspettare i tempi di lievitazione, senza dover aspettare che il forno vada in temperatura… provatela assolutamente!

FOCACCIA IN PADELLA A LIEVITAZIONE ISTANTANEA 

Ingredienti:
300 gr di farina 00
160 gr d’acqua
1 cucchiaio d’olio EVO
6 gr di sale
Mezza bustina di lievito istantaneo per torte salate

Per la farcitura:
Circa un etto di prosciutto cotto
Una mozzarella

Preparare l’impasto è semplicissimo: setacciate la farina con il lievito e mescolate, poi aggiungete tutti gli altri ingredienti ed amalgamate per bene. Non serve lasciare riposare.
Dividete l’impasto in due parti. Prendete la prima parte e stendetela a cerchio con un mattarello, disponete sopra di esso prima il prosciutto e poi la mozzarella tagliata a pezzetti, lasciando libero un centimetro sui lati.
Prendete anche la seconda parte dell’impasto e appoggiatela sopra la farcitura. Chiudete bene i bordi schiacciandoli con i rebbi di una forchetta.


Ungete con poco olio una padella antiaderente di circa 26 cm di diametro e fate cuocere la focaccia, chiusa con un coperchio, per 5 minuti. Trascorso questo tempo girate la focaccia e fate cuocere l’altro lato per ulteriori 5 minuti, ungendo nuovamente la padella. Ovviamente controllate la cottura e se vi sembra troppo bianca proseguite per al massimo altri 2 minuti per lato.

NOTE:
La farcitura è a vostra scelta, potete metterci ciò che più vi piace.
Potete anche farne una versione dolce.

Fritti/ Lievitati/ Mozzarella/ Pane-Focacce-Pizze/ Secondi piatti

I panzerotti di casa nostra

I miei genitori mi hanno sempre fatto mangiare bene, mia mamma è un’ottima cuoca, mio papà è bravo ad impastare, io amo fare dolci, un’associazione perfetta!

Quindi oggi condivido la ricetta dei panzerotti di famiglia, quelli che non riesci ad avanzare, che quando li fai devi raddoppiare le dosi e metterli in freezer per non restare mai senzaaaaa.  Si possono fare fritti o al forno ma sinceramente la versione fritta è la più saporita e irresistibile.

PANZEROTTI DI CASA NOSTRA

Per l’impasto (4/5 panzerotti)
270 Gr di farina 00

230 Gr di farina Manitoba 

300 ml di acqua gassata

12 Gr di sale fino

6 gr di lievito di birra FRESCO

2 cucchiai di olio EVO

Per il ripieno:

1 etto di prosciutto cotto 

2 mozzarelle 

Passata di pomodoro 

Olio di semi di arachidi per friggere

In una ciotola sciogliete il lievito di birra nell’acqua con 2 cucchiai d’olio,  mescolando con una forchetta.

Mescolate le farine con il sale e versateci l’acqua. Mettete nella planetaria ed impastate con il gancio finché sarà completamente incordato (ci vorranno una decina di minuti).

Ungete una terrina e versateci l’impasto, tamponate anche la superficie affinché non diventi secco, chiudete la terrina con la pellicola e lasciate lievitare per almeno 2 ore.

A fine lievitazione riprendete l’impasto raddoppiato di volume e dividetelo in palline, a seconda della grandezza dei panzerotti che volete ottenere, io ne faccio 4/5, stendete le palline affinché diventino rotonde e farcitele prima col pomodoro mescolato con un goccio d’olio, poi con prosciutto e mozzarella. Lasciate libero circa un centimetro sui lati per permettere la chiusura. Chiudete i panzerotti schiacciando con le dita sui bordi. Lasciate riposare un’altra mezz’ora se potete.

Friggete in abbondante olio di arachidi, accertandovi che sia bollente.

Scolate con la schiumarola e adagiate su carta per fritti per assorbire l’olio in eccesso.

NOTE E CONSIGLI

L’utilizzo dell’acqua frizzante facilita la lievitazione e aumenta la morbidezza dell’impasto 

Se preferite la cottura al forno disponete i panzerotti su carta forno e cuocete a 200 gradi per 15/20 minuti 

I panzerotti possono essere congelati dopo la cottura.

Crema pasticcera/ Dolci/ Lievitati/ Limone/ MTC/ Senza categoria

Babà al limoncello

La settimana appena trascorsa è
stata devastante per me, e sono felice che sia finita!!!! Ho avuto le coliche
renali…. Dolori atroci, no comment!!!! Poi, come se non bastasse, mi è venuto
un bell’ascesso in bocca… un male atroce!!!
La domanda è: ma qualcuno mi vuole
male???? No perché io non capisco come possano arrivare tutti sti dolori uno
dopo l’altro…
Adesso sto meglio, sono sotto cura
antibiotica ma l’importante è guarire e, come sempre, il miglior modo per
distrarsi e non pensare è dedicarsi alla cucina o meglio, ai dolciiiiiiiii, la
mia passioneeeeeee!!!!
La sfida dell’MTC è arrivata in mio
soccorso!!! Il tema del mese, il babà, apparteneva alla categoria “prima o poi
lo farò”, e finalmente l’ho fattooooooo!!!!
Non ho voluto apportare grosse
varianti alla ricetta originale, ho semplicemente dato un tocco di limone!!!!
Ho preferito una bagna al limonello anziché al rum, il resto è rimasto
invariato. Che bontà!!!!!
Babà al Limoncello
Ingredienti:
300 g di farina bio tipo 0 Manitoba
3 uova cat a grandi
100 g di burro
100 g di latte
25 g di zucchero
10 g di lievito di birra
½ cucchiaino di sale fino
Procedimento (come spiegato da
Antonietta)
Lievitino
Sciogliere il lievito di birra con 50 g di latte
tiepido e 1 cucchiaino di zucchero e impastarli con 70 g di farina, tutti presi
dal totale degli ingredienti. Lasciar lievitare fino al raddoppio, coprendo la
ciotola con un telo inumidito.
Primo impasto
Versare in una ciotola il resto della farina (230 g),
fare la fontana, versarci il lievitino e le tre uova. Impastare schiacciando
ripetutamente nella mano l’impasto per amalgamare le uova e aggiungere un
cucchiaio alla volta di latte per ammorbidirlo un po’, man mano che se ne senta
la necessità, facendo attenzione a non renderlo molle; poi impastare
energicamente, sbattendolo verso la ciotola per una decina di minuti. Coprire e
lasciar lievitare per 80/90 minuti e comunque fino al raddoppio.
Secondo impasto
In una ciotolina lavorare il burro a pomata,
impastandolo con il restante zucchero (20 g) e il sale. Aggiungerlo al primo
impasto  una cucchiaiata alla volta facendo  assorbire bene 
prima di aggiungere  la successiva. Lavorare per 5 minuti nella ciotola,
poi ribaltare l’impasto su un piano da lavoro e iniziare a lavorare
energicamente piegandolo e sbattendolo più volte per 15/20 minuti. Qui bisogna
avere tenacia e resistenza perché questa è quella fase in cui è possibile
ottenere un babà spugnoso e morbido, capace di assorbire e trattenere la bagna.
Quando inizierà a staccarsi dalle mani e piegandolo
manterrà una forma tondeggiante, senza collassare e vedremo l’accennarsi di
bolle d’aria il nostro impasto è pronto.
Ricavarne 11 palline e sistemarle negli stampini monoporzione
precedentemente imburrati. Ogni pallina deve arrivare a metà altezza dello
stampino. Sistemarli in una teglia e lasciar lievitare in forno spento con luce
accesa fino a quando triplicano di volume, fuoriuscendo dal bordo superiore
formando una calottina di circa 2 cm.
Preriscaldare il forno a 200°, infornare, abbassare a
180° e cuocere per 20 minuti. A metà cottura coprire con un foglio di
alluminio.
A cottura ultimata lasciar intiepidire per 10 minuti,
staccarli delicatamente dagli stampini (basta reggere lo stampino con una mano
e con l’altra tirare e contemporaneamente roteare leggermente la calottina) e
adagiarli in una ciotola larga.
Versare l’acqua in una pentola, aggiungere lo zucchero
e la scorza di limone, evitando accuratamente la parte bianca e lasciar
sobbollire per 10 minuti.
Spegnere, lasciar intiepidire, passarlo attraverso un
colino a maglie strette. Dopo
aver  versato lo sciroppo sopra, rigirarli dentro di esso ogni 10/15
minuti e comunque finché al tatto non abbiano la consistenza di una spugna
inzuppata. Scolarli dallo sciroppo e adagiarli su un piatto da portata.
 
Crema pasticcera al limone
Ingredienti:
250 ml di latte
2 tuorli d’uovo
75 gr di zucchero semolato
15 gr di amido di mais
1/2 Limone
Procedimento: montate i tuorli con lo zucchero
fino ad ottenere una crema chiara e spumosa. Aggiungete l’amido di mais e
montate ancora.
In un pentolino antiaderente fate
bollire il latte con il succo di mezzo limone, quando inizierà a bollire
versateci il composto di uova montate e proseguite con la cottura per un
minuto. Vedrete che la crema si addenserà velocemente, continuate a mescolare a
fuoco spento.
Fate raffreddare la crema velocemente a bagnomaria in
acqua ghiacciata.
Per l’inzuppo:
250 ml di limoncello
Amarene Fabbri
Gelatina di albicocche
Irrorare i babà con il limoncello, spennellarli con la gelatina di albicocche precedentemente sciolta a fuoco lentissimo.
Tagliare a metà i babà e farcirli con la crema. Aggiungere 3 amarene.
Con questa ricetta partecipo all’MTC di Maggio:
http://www.mtchallenge.it/2014/05/mtc-n-39-la-ricetta-della-sfida-di.html