Browsing Category

Lievitati

Antipasti/ Lievitati/ Melanzane/ Pane-Focacce-Pizze/ Senza categoria

BRIOCHES SALATE CON CAPONATA E PESTOSINO PICCANTE

Le brioches sono buone anche salate 😉 soprattutto se ci mettiamo dentro una saporita farcitura!
Io ci ho messo la caponata di melanzane di Terra mia Ribera un’azienda familiare che si occupa personalmente della produzione di agrumi ma non solo, anche questa buonissima caponata fa parte dei prodotti che potete trovare nel loro ecommerce e vi assicuro che è davvero buona ➡️ https://arancedisicilia.store/

E il tocco finale è dato dal Pestosino calabrese di GIODÀ che è una salsa piccante che racchiude nei suoi ingredienti i sapori veraci della Calabria. Per gli amanti del piccante trova utilizzo in diversi piatti.

Questo è moltissimi altri prodotti realizzati con passione per la propria terra, potete trovarli nel sito www.giodashop.it che dalla Calabria spedisce in tutta Italia

Per l’impasto ho usato la farina tipo 1 di Molino Rosso che garantisce un risultato molto soffice, è biologica e macinata a pietra. Questa è molte altre tipologie di farine potete trovarle sul loro sito ➡️ https://molinorosso.com/

Il pizzico di miele permette all’impasto di lievitare perfettamente ed io mi sono affidata a Nectaris che con il suo amore per le api e la lotta per la loro sopravvivenza, ci regala un miele unico nel gusto e nella consistenza ➡️ https://www.beenectaris.it/

BRIOCHES SALATE CON CAPONATA E PESTOSINO PICCANTE
Ingredienti:
250 gr di farina tipo 1 o Manitoba ( io Molino Rosso)
130 gr di latte tiepido
3 tuorli d’uovo
50 gr di burro
6 gr di lievito di birra fresco
6 gr di sale
Un cucchiaino di miele Millefiori (io Nectaris)
Per la farcitura:
Caponata di melanzane qb (io Terra mia Ribera)
Pestosino calabrese (io GIODÀ)
Fate sciogliere il lievito nel latte tiepido, con il miele.
Una volta sciolto, aggiungetelo alla farina setacciata,, nella ciotola della planetaria.
Mescolate con il gancio fino a completa amalgama e poi inserite i tuorli d’uovo uno alla volta, non inserite il secondo finché il primo non sarà assorbito, e così via…
Proseguite per una decina di minuti finché l’impasto sarà incordato e solo allora aggiungete il sale e mescolate sempre con il gancio, poi unite anche il burro ammorbidito e proseguite finché sarà completamente assorbito.
Mettete a lievitare coperto con pellicola e con uno strofinaccio per circa 4 ore.
Poi riprendete l’impasto e stendetelo a rettangolo, calcolando che dovrete dividerlo in 6 pezzi (come da foto). Su ogni pezzo, mettete al centro un cucchiaino di caponata e un goccio di pestosino Calabrese che è un condimento piccante.
Richiudete piegando ogni angolo verso il centro, per formare un quadrato.
Spennellate con un pochino di latte e una volta inumidito l’impasto potrete passare con un dito sulle fessure per chiuderle bene.
Disponete le brioches salate in una teglia ricoperta con carta forno. Se le lasciate lievitare ancora mezz’ora il risultato sarà migliore.
Cuocete in forno statico a 180 gradi per circa 25 minuti.

Dolci/ Lievitati/ Mandorle/ Pasqua/ Senza categoria

Colomba facile alla mandorla

E quest’anno ho voluto fare la colomba in casa!!! Ci tenevo tanto ma il tempo non è mai abbastanza e così ho pensato a un dolce che non rappresenta esattamente la vera colomba a lunga lievitazione ma che è perfetta per me e per chi come me vuole provarci ma senza dilungarsi troppo 😉

Io non ci ho messo uvetta e canditi ma nulla vi vieta di aggiungerli.

Ho provato una soddisfazione indescrivibile nel vedere il risultato… bella, alta, profumata e morbida… cosa chiedere di più?

Le mandorle sulla superficie sono di Aroma Sicilia, buone davvero! L’azienda produce soprattutto prodotti al pistacchio di Bronte… creme, paste, granella, tutto direttamente dalla Sicilia. ➡️ www.aromasicilia.com

Il miele è di Apicoltura Nectaris, la cui politica non è solo produrre miele ma anche e soprattutto proteggere le api… le arnie sono dislocate unicamente all’interno di Parchi Naturali ed Oasi WWF. Il miele è davvero buono, forse proprio perché fatto con tanta passione… ➡️ https://www.beenectaris.it/

La farina utilizzata è di Molino Rosso, si tratta di una TIPO 1 per lievitati, Forte e perfetta per questo tipo di prestazioni. ➡️ https://molinorosso.com/

Granella di zucchero di S. Martino, sempre una garanzia…. ➡️ https://www.ilovesanmartino.it/

COLOMBA FACILE ALLE MANDORLE
Ingredienti (per una colomba da 1 Kg)
500 g di farina 1 per lievitati ( io Molino Rosso) – in mancanza usate la Manitoba

Circa 90 g di latte

10 g di lievito di birra fresco

4 uova

130 g di burro morbido

150 g di zucchero

20 g di miele millefiori (io Nectaris)

30 g di liquore all’amaretto

1 bacca di vaniglia

Essenza di mandorle

8 g di sale

Per la
copertura:
100 g granella di mandorle

200 g di zucchero a velo

3 cucchiai di liquore all’amaretto

Albume qb

Mandorle intere (io Aroma Sicilia)

Zucchero in granella (io S. Martino)

Zucchero a velo

Preparate un lievitino sciogliendo il lievito nel latte tiepido ed aggiungendo circa 80 g di farina. Dovrete ottenere una crema abbastanza densa. Lasciate riposare coperta con pellicola e un canovaccio per circa un’ora.
Nel frattempo mescolate il miele con il liquore all’amaretto, i semi della bacca di vaniglia e una fialetta di aroma di mandorla.
Unite al lievitino 2 uova, 5 cucchiai di farina, metà zucchero ed impastate per qualche minuto.
Aggiungete altri 5 cucchiai di farina e il composto creato con il miele e mescolate.

Unite le altre 2 uova, l’altra metà dello zucchero ed il resto della farina. Aggiungete il sale ed impastate fin che non otterrete un composto liscio ed omogeneo.

A questo punto inserite il burro ammorbidito, un po alla volta. Mescolate col gancio.
Mettete a lievitare l’impasto coperto con pellicola e con uno strofinaccio per circa 4 ore o fino al raddoppio.

A fine lievitazione dividete l’impasto in 2 parti, formate due filoncini e formate una croce nello stampo cioè mettete una metà da una parte e una metà dall’altra a formare una croce.

Lasciate lievitare ancora finchè non saranno quasi raddoppiate.

Preparate la glassa tritando la granella di mandorle

con lo zucchero a velo, unite il liquore e tanto albume quanto ne basta per
ottenere una crema densa ma che coli leggermente.
Versate la crema sulla superficie della colomba. Cospargete con la granella di zucchero e con le mandorle.
Infornate a 180° gradi in forno statico per circa 45 minuti.
Lievitati/ Pane-Focacce-Pizze/ Senza categoria/ Sesamo

PANE NERO CON SESAMO

Il pane profuma di buono… sentirne l’aroma rende sereni…. prepararlo in casa è una gran soddisfazione 😍
Tra i prodotti meravigliosi inviati da Molini del Ponte, c’era anche un chilo di farina per pane nero di Castelvetrano. Io mi diverto a trasformare le ricette a mio piacere, ci metto sempre fantasia e così ho deciso di non fare il classico pane di Castelvetrano ma di utilizzare questa farina per impastare dei piccoli panini al sesamo dal colore intenso 😉
E l’esperimento è ben riuscito.


PANE NERO CON SESAMO

Ingredienti:
500 gr di farina per pane nero di Castelvetrano (Molini del Ponte)
6 gr di Lievito di birra fresco
375 ml d acqua
2 cucchiai d’olio EVO (Molini del Ponte)
11 gr di sale
30 gr di sesamo più quello per decorare
Preparate l’impasto la sera prima, più riposa, meglio è.

Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, aggiungendo un pizzico di zucchero per attivarlo. Aggiungete anche 2 cucchiai d’olio EVO.

Nella ciotola della planetaria mettere la farina, aggiungete il sale e il sesamo e mescolate.

Versate il composto liquido sulle farine e impastate col gancio in planetaria o a mano.

Ungete una terrina e metteteci l’impasto, coprite con pellicola e con uno strofinaccio poi mettete a lievitare lontano da sbalzi termici, io lo metto dentro al forno chiuso.
Quando l’impasto sarà lievitato, preparate la teglia del forno ricoperta con carta forno.

Formate delle palline del peso di circa 80/90 grammi l’una, appoggiatele sulla teglia distanziate tra loro, schiacciatele leggermente e ricopritele con il sesamo.

Infornate a 220 gradi (io ho la modalità pane nel mio forno) e cuocete per circa 15 minuti (ovviamente regolatevi con il vostro forno).

Lievitati/ Pancetta/ Pane-Focacce-Pizze/ Scamorza/ Senza categoria

FOCACCIA FARCITA CON PANCETTA COTTA E SCAMORZA AFFUMICATA

Pizze, focacce, lievitati…. un paradiso per il palato… se avessi più tempo li farei tutti i giorni…
Oggi condivido con voi la mia ricetta della focaccia farcita, bella unta e soffice.
Ho scelto di realizzarla con la farina di grano tenero tipo 1 di Molini del Ponte, biologica, macinata a cilindri, derivata da grani prodotti in Sicilia… una garanzia 😉 acquistabile sul sito https://www.molinidelponte.com/
Ho scelto di farcirla con scamorza affumicata ma anche con la pancetta cotta affettata di Marco d’Oggiono… non so spiegarvi il profumo.che mi ha invasa aprendo la confezione 😄 irresistibile. E anche voi potete provarla acquistandola sul sito https://www.marcodoggiono.com/
E infine, ho ricoperto la superficie con tanto olio extravergine prodotto da Oro della Terra… per me ormai un compagno di vita 🤣🤣🤣 insieme agli altri oliii aromatizzati che potete acquistare direttamente da loro senza intermediari 😉

FOCACCIA FARCITA CON PANCETTA COTTA E SCAMORZA AFFUMICATA
Ingredienti x una focaccia quadrata da 30 cm
600 gr di Farina di grano tenero 1 (io Molini del Ponte)
380 ml di acqua tiepida
6 gr di lievito di birra
15 gr di sale fino per l’impasto
Altro sale per la superficie
100 gr di pancetta cotta affettata (io Marco d’Oggiono)
150 gr di scamorza affumicata a fette
2 cucchiai di olio EVO per l’impasto (io Oro della terra)
Olio EVO qb per la superficie (io Oro della Terra)
Sale qb per la superficie

Preparate l’impasto la sera prima, più riposa, meglio è.
Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida, aggiungendo un pizzico di zucchero per attivarlo. Aggiungere anche 3 cucchiai d’olio EVO.
Nella ciotola della planetaria mettere la farina, aggiungete il sale.
Versate il composto liquido sulle farine e impastate col gancio in planetaria o a mano.
Ungete una terrina e metteteci l’impasto, coprite con pellicola e con uno strofinaccio poi mettete a lievitare lontano da sbalzi termici, io lo metto dentro al forno chiuso.
Quando l’impasto sarà lievitato dividetelo in 2 parti.
Una parte dovrete stenderla su un piano infarinato dandogli una forma quadrata larga circa 30 cm, poi farcite con le fette di pancetta e sopra metteteci la scamorza a fette.
Ricoprite con il secondo pezzo, steso allo stesso modo, chiudete i bordi schiacciando con le dita.
Versate un bel po’ di olio EVO e un goccio d’acqua, poi un bel po’ di sale. Adesso schiacciate la superficie della focaccia con i polpastrelli formando dei buchini affinché il condimento affondi nell’impasto.
Cuocete a 240 gradi per 20 minuti circa (come sempre regolatevi con il vostro forno)

Lievitati/ Mozzarella/ Pane-Focacce-Pizze/ Prosciutto/ Senza categoria

PIZZA AD ALTA IDRATAZIONE CON FARINA 1 FARCITA CON BUFALA E PROSCIUTTO CRUDO

La pizza ad alta idratazione permette di ottenere un impasto molto molle che in cottura resta alto e soffice, l’ho preparato utilizzando La farina tipo 1 di Molino rosso e devo dire che il risultato è stato sorprendente, penso che continuerò ad utilizzare questo tipo di farina affinchè i miei lievitati siano sempre perfetti.
Per la farcitura ho utilizzato l’eccezionale prosciutto crudo riserva di Marco d’oggiono di cui ho assaggiato ormai molti prodotti e nessuno mi ha ancora delusa. Potete acquistarli anche voi collegandovi direttamente al sito https://www.marcodoggiono.com/

Per condire ho utilizzato l’olio Affiorato di AZ.AGR. SALUZZI, che è il primo olio che viene raccolto durante la spremitura senza essere sottoposto al processo di filtrazione o pressatura.
E’ ricavato seguendo l’antico metodo di affioramento, che consiste nel raccogliere a mano una piccolissima percentuale di olio che si ottiene attraverso il continuo e prolungato rimescolamento della pasta di olive proveniente dalla frangitura. Le goccioline d’olio, si uniscono divenendo sempre più grandi fino ad affiorare alla superficie. Insomma è un olio puro che si consiglia anche per i bambini.

PIZZA AD ALTA IDRATAZIONE CON FARINA 1 – FARCITA CON BUFALA E PROSCIUTTO CRUDO

Ingredienti:
1 kg farina tipo 1 (io Molino Rosso)
750 ml acqua
3 cucchiai d’olio EVO (io Oro della Terra)
25 gr sale
6 gr lievito
700 ml di passata di pomodoro
120 gr di prosciutto crudo (io Marco d’Oggiono)
2 mozzarelle di bufala da 125 gr
Olio EVO qb (io Oro della terra)
L’impasto con 1 kg di farina indicato negli ingredienti serve per 2 teglie di pizza, mentre gli ingredienti indicati per la farcitura sono riferiti ad una sola teglia.
Preparate l’impasto la sera prima, più riposa, meglio è.
Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida, aggiungendo un pizzico di zucchero per attivarlo. Aggiungere anche 3 cucchiai d’olio EVO.
Nella ciotola della planetaria mettere la farina, aggiungete il sale.
Versate il composto liquido sulle farine e impastate col gancio in planetaria o a mano.
Ungete una terrina e metteteci l’impasto, coprite con pellicola e con uno strofinaccio poi mettete a lievitare lontano da sbalzi termici, io lo metto dentro al forno chiuso.
Mettete la passata di pomodoro in un pentolino con un pochino d’olio EVO e un pizzico di sale e lasciatelo cuocere perché non sappia di crudo, ma senza aggiungere nient’altro. Lasciatelo andare mentre stendete la pizza.
Al momento della preparazione riprendete l’impasto che sarà aumentato di volume, ungete la placca da forno spargendo l’olio con le mani, così le avrete unte per riuscire a prendere l’impasto senza che si appiccichi.
Stendete nella teglia schiacciando con la punta delle dita e lasciando la crosta spessa.
Fate riposare l’impasto per un quarto d’ora o più.
Prendete la passata e versatela sulla pizza.
Infornate a 250 gradi per 8 minuti, intanto tagliate la mozzarella di bufala.
Trascorsi gli 8 minuti tirate la pizza fuori dal forno e procedete con la farcitura: mettete mozzarella sulla pizza e infornate per altri 10 minuti o fino alla croccantezza desiderata.
Questa operazione è necessaria affinché la mozzarella non si asciughi, per questo motivo la cuocio in 2 step.
Sfornate, aggiungete le fette di prosciutto crudo e insaporite con un filo d’olio a crudo.