Browsing Category

Fritti

Dolci/ Fritti/ Patate/ Senza categoria

Le ciambelle fritte per la festa del MIO papà

Lunedì è stata la FESTA DEL PAPA’ e ovviamente il mio regalo non poteva essere che un bel dolce, per due motivi: prepararli è la mia più grande passione e… lui è un golosone come pochi!!!!!
C’era solo un problema: il 19 marzo ricorre l’anniversario della perdita della mamma di mio papà quindi per lui è un giorno di brutti ricordi oltre ad essere la sua festa…
Il mio cervello ha quindi fatto CLICK: la sua mamma gli preparava spesso le ciambelle fritte e da quando è mancata nessuno le ha più fatte al suo posto… lui le adorava e ne mangiava tre alla volta!!!!!
Quale miglior regalo quindi per festeggiare rispettando il suo dolore e i suoi ricordi??? Prepararle per lui cercando di non fare errori.
Devo dire che mi sono venute bene, lui mi ha fatto un sacco di complimenti e le ha mangiate nel momento stesso in cui le ho appoggiate sul tavolo della sua cucina… per me è stata una grande soddisfazione e spero di averlo coccolato come merita.

CIAMBELLE FRITTE

Ingredienti:

400gr di farina manitoba
600gr di patate gialle
150gr di zucchero
2 uova e un tuorlo
1 bustina di lievito di birra Mastro fornaio (o un panetto da 25gr)
1 pizzico di sale

Olio di semi per friggere
Zucchero semolato per decorare

Procedimento:
Mettete a bollire le patate per circa un’ora, inseritevi una forchetta per verificare la cottura.
Scolatele, togliete la buccia e schiacciatele con lo schiacciapatate.
Versatele su un piano di lavoro e mettete al centro la farina setacciata con il lievito, lo zucchero, il sale e le uova. Inserite pian piano le patate continuando a lavorare l’impasto ed aggiungendo farina se le patate dovessero assorbirne troppa.
Non spaventatevi se l’impasto risulterà molto molle, è giusto che lo sia.
Mettete a lievitare per almeno 2 ore.
A fine lievitazione rovesciate l’impasto aiutandovi con le mani spolverate di farina, sul piano di lavoro precedentemente cosparso di farina.
Ricavate delle palline e fate un foro al centro con un dito. Aggiungete altra farina per evitare che si appiccichino alle mani.
Mettete a lievitare su carta da forno per altri 30 minuti.
A questo punto friggetele in abbondante olio di semi bollente senza farle bruciare (basta girarle un paio di volte).

Asciugatele su carta assorbente e rotolatele nello zucchero semolato.

Note: Le ciambelle, prima della cottura saranno molli, vi sembrerà di non riuscire a tenerle in mano ma, non appena entreranno in contatto con l’olio bollente si induriranno all’istante.
Queste ciambelle saranno ancora più buone il gorno dopo.

Con questa ricetta partecipo al contest di Stefy:

Carnevale/ Dolci/ Fritti/ Senza categoria

Vi presento la mia BUFFY e… le castagnole!

Oggi vi presento la mia Buffy! E’ la mia dolce cagnolina, nata il 7 aprile 2007 in provincia di Bergamo.
Chi l’ha conosciuta la definisce “umana”, è talmente intelligente da sembrare un prodigio della natura!
Lei mi ascolta e mi capisce. So che a chi non l’ha mai provato sembrerà un’assurdità ma vi invito a conoscerla e potrete giudicare da soli!
Io non ho bisogno di urlare comandi, come si fa normalmente, mi basta parlarle e lei capisce… se le dico “Buffy bevi l’acqua fresca!” lei mi guarda, poi beve… se dico “Buffy andiamo a fare la nanna!” lei sale su per le scale e mi aspetta in camera!… le dico “Buffy vai a prendere il pupazzo nuovo che ti ha regalato la mamma!” lei ovviamente ed immancabilmente va a prendere proprio quel pupazzo!
E’ per questo che io provo per lei una sorta di “dipendenza”… è come una bambina da accudire che vuole solo amore e non ha bisogno di nient’altro!
Le sue grandi orecchie la rendono un po’ buffa ma per me è meravigliosa!
Ed ecco a voi la mia Buffy:
 
Ed ora le mie castagnole, immancabili a Carnevale!

LE CASTAGNOLE


Ingredienti:

500gr di farina per fritture Lo Conte
150gr di zucchero
2 uova grandi
Un pizzico di sale
1/2 bustina di lievito
80gr di burro
La scorza grattugiata di un limone
120ml di latte

Procedimento:

Fondere il burro e lasciarlo raffreddare.
Montare con le fruste le uova e lo zucchero.
Aggiungere il burro, il sale e la scorza di limone e mescolare nuovamente.
Incorporare la farina setacciata con il lievito e il latte.
Formare delle palline e friggere in olio bollente fino a doratura.
A cottura ultimata, rotolarle nello zucchero ancora calde.
 
Varianti: E’ possibile sostituire 50ml di latte con il Maraschino, oppure aggiungere all’impasto dei pezzetti di mela o dell’uvetta, o ancora, farcire le castagnole con nutella, crema o marmellata!


BUON CARNEVALE!
Fritti/ Lievitati/ Mozzarella/ Pane-Focacce-Pizze/ Prosciutto/ Senza categoria

Panzerotti fritti

La mia alimentazione non può definirsi “equilibrata”… mangio quello che mi va all’ora che voglio, senza seguire un regime “sano”. Non mangio verdure, nemmeno l’insalata, non so se sia a causa di un trauma giovanile o per qualche altra ragione ma è così… anche l’odore delle verdure cotte mi fa venire la nausea. In compenso mangio molta frutta e quindi le vitamine da qualche parte arrivano!
Amo i carboidrati, vivo di pasta, pane, patate, carne impanata, pesce (soprattutto inserito nei primi piatti).
So che non c’è da vantarsene ma questa sono io e non posso cambiare!
Ho la fortuna di non ingrassare a dismisura perchè altrimenti, seguendo questa dieta sarei obesa… invece peso 49 kg per 1,61 m di altezza.
Un esempio della mia cucina strampalata è dato dalla mia scelta di ieri: in pausa pranzo ho preparato l’impasto della pizza e ieri sera, uscita dal lavoro ho fatto i panzerotti fritti! Ecco la ricetta:
Panzerotti Fritti
Ingredienti per 4 panzerotti grandi come da foto:
Per la pasta:
  • 500 gr di farina manitoba
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 1 bustina di lievito di birra secco (io uso il Mastro Fornaio)
  • 15 gr di sale
  • un cucchiaino di zucchero
  • 4 cucchiai di olio EVO
Per il ripieno:
  • 1,50 etti di prosciutto cotto
  • 2 mozzarelle
  • Mezzo Galbanino
  • Passata di pomodoro
Preparare l’impasto: setacciare la farina con il lievito, il sale e lo zucchero.
Aggiungere al centro l’acqua tiepida e l’olio EVO.
Impastare bene, meglio se con un’impastatrice o con la macchina del pane.
Laciare riposare per almeno 2 ore dentro una bacinella sufficientemente larga e alta, coperta da un paio di strofinacci. Far lievitare dentro al forno chiuso per evitare sbalzi di temperatura.
A fine lievitazione dividere l’impasto in 4 parti uguali.
Stendere la pasta e farcirne metà con tutti gli ingredienti, diluendo la passata di pomodoro con un po’ d’olio EVO.
Richiudere il panzerotto schiacciando i bordi per evitare la fuoriuscita del ripieno.
Friggere in abbondante olio di semi bollente fino a doratura.
E’ importante che l’olio copra completamente i panzerotti.
Ovviamente la farcitura è soggettiva, potete utilizzare ciò che più vi piace!