Browsing Category

Formaggio

burrata/ Formaggio/ pomodoro/ Primi piatti/ Senza categoria

Ravioli di burrata

Sono una bloggallina, sono fiera e
felice di far parte di un gruppo così affiatato, formato da foodbloggers e
foodlovers che condividono la stessa passione per la cucina, una passione che,
nonostante gli impegni quotidiani, non cessa di esistere e trova sempre il suo
libero sfogo…
Per questo e per 1000 altri motivi,
ci tengo a partecipare al primo contest organizzato dalle bloggalline in
collaborazione con Informacibo che permetterà di partecipare all’evento
internazionale de “La cucina italiana nel mondo verso l’Expo 2015”.
Il piatto da preparare deve
rappresentare l’Italia e la sua cultura. Il nostro Paese è ricco di preziosi
alimenti, di prodotti che hanno girato il mondo e che ci rendono fieri di
essere italiani.
 
La mia ricetta rappresenta la
semplicità che si trasforma in prelibatezza!
–  
Ho scelto di preparare un primo piatto considerando
il fatto che, l’Italia è la regina dei primi piatti…

 

 

–  
– Ho scelto la pasta fresca all’uovo, fatta in casa,
tirando la sfoglia sottile sottile, come ci insegna la regione Romagna

 

 

–  
– Ho scelto un ripieno di BURRATA, un formaggio che ci
invidiano ovunque e che rappresenta la regione Puglia

 

 

–  
– Ho scelto un condimento semplice, con pomodoro e
basilico, che nonostante la sua semplicità, rappresenta anch’esso la tradizione
italiana

 

 

–  
– E, ovviamente, una bella ed abbondante spolverata di
Parmigiano Reggiano non poteva mancare!!!!
 
Ecco, vi presento il mio piatto:
 
 
Ravioli di Burrata,
fatti in casa,
Con sugo al pomodoro e
basilico
 
Ingredienti per la pasta:
300 g di farina 00
3 uova
 
Per il ripieno:
Una burrata
Pepe
Parmigiano Reggiano
 
Per il sugo:
1 Kg di pomodori datterini o San Marzano
1 Cipolla
Foglie di basilico
Olio extravergine di oliva
 
Procedimento
 Preparate la pasta lavorando
la farina con le uova fino ad ottenere un impasto liscio. Avvolgete nella
pellicola e mettete da parte.
Preparate il ripieno:
sminuzzate la burrata, conditela con una manciata abbondante di Parmigiano e
pepe nero. Mescolate e mettete in frigorifero.
Prendete la pasta e
laminatela passandola più volte nel rullo della macchina per la pasta fresca,
finchè diventerà liscia ed uniforme senza buchi; in alternativa potete
stenderla col mattarello, basta che la tiriate sottile.
 
Ritagliate delle strisce
alte circa 5/6 cm, e ponete su di esse dei piccoli mucchietti di ripieno
distanziati tra loro di circa 2 cm; richiudete con un’altra striscia di pasta
(vedi foto).
Con uno stampo per agnolotti
(ravioli quadrati), formate i ravioli.
 
 
 

 

Preparate il sugo al
pomodoro e basilico:
Lavate i pomodori, scottatteli
in una pentola con acqua bollente, per pochi minuti, poi sbucciateli.
In una padella fate
soffriggere l’olio con la cipolla, aggiungete i pomodori tagliati a pezzetti e
un cucchiaio di zucchero e fate cuocere finchè l’acqua dei pomodori si sarà
asciugata, mescolando regolarmente. A cottura ultimata aggiungete il basilico
elasciate riposare.
 
 
 
 
Con questa ricetta,
partecipo al contest : “La Cucina Italiana nel Mondo verso l’Expo
2015”, organizzato da Le Bloggalline , in collaborazione
con INformaCIBO
nella categoria “Un piatto delle cucine regionali italiane”
 
http://lebloggalline.blogspot.it/2014/04/il-primo-imperdibile-contest-di.html 
Antipasti/ Formaggio/ Gorgonzola/ Mozzarella/ MTC/ Secondi piatti/ Senza categoria/ Speck

Soufflé con speck, fontina e mozzarella

E un’altra settimana ricomincia…
chissà perché il week end vola così in fretta, e il lunedì invece sembra lunghissimo!!!!!

Voglio cominciare la settimana con
un bel soufflé, quello che l’MTC ci ha chiesto di preparare, un soufflé salato
che, a casa nostra è piaciuto moltissimo.
Questa è la tipica ricetta che se
non la provi non puoi immaginare cosa ti perdi!!! Il soufflé sembra un piatto
raffinato, adatto a palati “delicati”, il suo nome evoca una consistenza che
pare troppo leggera per avere gusto, si ha l’impressione che si tratti di un
composto formato principalmente da aria quindi insapore o quasi!!! Ma non è
assolutamente così!!! E’ delizioso!!!!
Io ho voluto dargli un sapore forte
e per questo ho messo lo speck nell’impasto, avvolto da fontina e mozzarella,
una sorta di soufflé valdostano!!! Il contrasto di sapori è dato poi dalla
salsa accompagnatoria, a base di gorgonzola dolce, che versata sul soufflé lo
rende davvero speciale… Ve lo consiglio vivamente!!!
SOUFFLE’ CON SPECK, FONTINA E MOZZARELLA

Ingredienti:
Per il soufflé ( 8
cocotte):

300 ml di panna fresca
3 cucchiai da minestra di maizena
30 g di burro + quanto basta per ungere gli stampi
6 uova medie
150 gr di speck
150 g di fontina
Una mozzarella
noce moscata, sale, pepe
Formaggio grattugiato.

Per la salsa al gorgonzola:
500 ml di brodo vegetale
250 gr di gorgonzola dolce
1 pera abate
Una noce di burro

Procedimento (come spiega Fabiana)
 Preriscaldare il forno a 200°.
Imburrare generosamente le cocotte
che devono essere pulite ed assolutamente asciutte, ungere fondo e bordi. Spargere
il formaggio grattugiato negli stampi in modo che ne siano interamente
ricoperti avendo cura di non toccare più l’interno con le dita.
Riporre in frigo fino al momento del
riempimento, volendo anche in freezer. Non trascurare questo passaggio!!
Ripassare ancora i bordi con un altro poco di burro pomata e raffreddare
nuovamente.
Mescolare la maizena con poca panna
fresca fuori fuoco.
Portare ad ebollizione la restante
panna, raggiunto il bollore unire il mix panna maizena mescolando sempre.
Abbassare la fiamma e proseguire la
cottura aiutandosi con una frusta a mano fino ad ottenere una crema spessa.
Allontanare dalla fiamma ed unire il
burro avendo cura di continuare sempre a lavorare.
Rompere le uova  tenute a
temperatura ambiente, separando i tuorli dagli albumi, avendo cura di non
toccare questi ultimi con le mani.
Unire i tuorli uno alla volta,
incorporandoli alla perfezione prima di introdurre il successivo.
Tagliare lo speck a cubetti e
frullarlo in un mixer, poi aggiungerlo al composto.
Tagliare a pezzetti sia la fontina che la mozzarella, unire alla massa e mescolare.
Salare, pepare, aggiungere la noce
moscata e mescolare bene.
Montare gli albumi a neve.
Con delicatezza ed in più riprese
unire gli albumi montati, badando bene di non smontarli.
La massa deve risultare ben
omogenea.
Versare negli stampi arrivando solo
ai 2/3 della loro altezza.
Lisciare delicatamente la superficie
con la spatola.
Infornare immediatamente e cuocere
senza mai aprire per 15/18 minuti a 190 gradi.
Prepariamo la salsa: Prendere il
brodo preparato con acqua, carota, sedano e cipolla, portarlo ad ebollizione.
Nel frattempo tagliare a cubetti la pera sbucciata e privata del torsolo ed
aggiungerla al brodo. Proseguire con la cottura per circa 10 minuti finchè la
pera si sarà completamente cotta.
Con un minipimmer riducete in
poltiglia il composto.
Aggiungete il gorgonzola dolce
tagliato a cubetti ed una noce di burro, con una forchetta continuate a
schiacciare il gorgonzola ed amalgamatelo alla salsa. 

 Con questa ricetta partecipo all’MTC di Marzo:
http://www.mtchallenge.it/2014/03/mtc-n-37-la-ricetta-della-sfida-di.html
Formaggio/ Gorgonzola/ Mozzarella/ Primi piatti/ Riso/ Scamorza/ Senza categoria/ Torte

Torta di riso ai formaggi

Oggi è la festa del papà e io voglio pubblicamente dire al mio papy che non lo scambierei con nessun altro al mondo perchè, l’amore e i valori che ha saputo trasmettermi, sono parte di me e, grazie a lui, io oggi ho un cuore grande, perchè mi ha insegnato il sacrificio e l’importanza delle cose semplici… 
Grazie papy perchè quando ho avuto bisogno di te ci sei sempre stato, senza mai farmelo pesare… 
Grazie perchè mi fai sempre sentire speciale, anche quando non me lo merito… 
Grazie perchè anche se gli anni passano e tu sei sempre più stanco, non smetti di aiutarci con le tue forti mani…
Grazie di tutto… ma soprattutto grazie di essere quello che sei…
Ti voglio bene…
 
E dopo le lacrime, che sono onnipresenti quando parlo della mia famiglia, vi chiedo: Come avete passato il week end? So
che molte di voi erano al Boscolo, e io ho seguito le vostre peripezie su
Facebook, con un pizzico d’invidia, ma invidia sana, quell’invidia dovuta al
fatto che, anche io avrei voluto essere lì con voi ma purtroppo, per cause di forza maggiore, non ho potuto esserci…
Di chi sto parlando???? Ma delle
bloggalline, un sostanzioso gruppo di blogger unite dalla stessa passione, che
si scambiano consigli e che organizzano incontri in giro per l’Italia, per permettere
a noi di trasformare un’amicizia virtuale in qualcosa di concreto. Sabato
scorso il ritrovo era a Tuscania, alla Boscolo Etoile Academy, ho visto le loro
foto, ho letto i loro reportage, ho visto i loro sorrisi e la loro allegria e
sono certa che la prossima volta non mancherò, non mi priverò dell’emozione di abbracciare le mie amiche cuochine!!!!
Ed ora, lasciamo la malinconia e
torniamo a parlare della primavera. Nel mio post precedente vi avevo detto che
avrei scattato qualche foto al mio giardino per mostrarvi le bellezze della
natura, eccole:

 
 
 

Ed ora è il momento di passare alla
ricetta. L’inverno sta finendo e io voglio lasciarvi una delle ultime ricettine
bollenti, quelle che poi in estate non farò, questa è una deliziosa torta di
riso, semplice da fare ma saporita grazie alla presenza dei formaggi e, a
piacere si può arricchire come più vi piace, aggiungendo o sostituendo
ingredienti.
TORTA DI
RISO AI FORMAGGI
Ingredienti (per una tortiera da 24/26 cm:
400 gr di riso
che non scuoce
Una mozzarella
(125 gr)
100 gr di scamorza
affumicata
100 gr di
gorgonzola dolce
2 uova medie
Formaggio
grattugiato
Procedimento:
Fate cuocere
il riso in abbondante acqua salata.
Scolatelo e sciaquatelo
subito con acqua fredda per fermare la cottura.
Imburrate una
tortiera (la mia è in pirex) e spolverate con il pane grattugiato.
In una ciotola
mescolate il riso con le uova leggermente sbattute, poi aggiungete i formaggi
tagliati a pezzetti e mescolate bene.
Trasferite
tutto nella tortiera e ricoprite la superficie con il formaggio grattugiato.
Infornate a
190 gradi per circa 30/35 minuti o fino a doratura.
Un bacio a tutte voi!!!
More
 
Formaggio/ Pane-Focacce-Pizze/ Senza categoria

La focaccia di Recco

Buongiorno!!!! Come avete passato la Pasqua???? Io e Luca ci siamo riposati, non abbiamo fatto niente di particolare. A Pasquetta invece, grigliata a casa nostra! Il tempo non è stato meraviglioso, ma c’era il sole e restando ore ed ore a farsi scaldare dai suoi raggi, siamo riusciti anche ad abbronzarci!!!!
In realtà Luca si è proprio scottato la fronte!!!!!
E’ proprio questo sole timido che provoca i danni maggiori: non fa caldo, ci si rilassa e… voilà scottatura in arrivo!!!
Comunque, una Pasquetta in compagnia di amici è la cosa migliore, per farsi un po’ di risate e non pensare a niente! Ci voleva proprio un po’ di vacanza! Peccato che quando si sta bene il tempo vola e oggi siamo tornati al lavoro… Questa è la vita! 
Un po’ di tempo fa ho trovato su Giallo Zafferano la ricetta della focaccia di Recco e curiosa mi sono messa all’opera! Buona davvero ma sono certa che mangiarla in Liguria, preparata dai maestri del settore, sia ancora meglio!!!
Buona settimana a tutti!!!

FOCACCIA DI RECCO

Ingredienti:
Per l’impasto

250ml di acqua
400gr di farina manitoba
40ml di olio EVO
10gr di sale

Per il ripieno

400gr di stracchino o crescenza
50ml di olio EVO
sale q.b.

Procedimento:
In una ciotola versate l’acqua e l’olio e fateci sciogliere il sale.
Unite la farina poco alla volta, continuando a mescolare (se avete la planetaria usate il gancio a foglia).
Impastate fino ad avere un impasto sodo ed elastico.
Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare per almeno 2 ore.
Divitete poi l’impasto a metà e una parte stendetela con il mattarello affinchè diventi bella sottile. 
Mettetela in una teglia unta con un bel po’ di olio.
Cospargetela con pezzettoni di stracchino.
Ricoprite con l’altra metà dell’impasto, steso più sottile possibile. Chiudete bene i bordi.
Bucherellate la superficie affinchè non si gonfi durante la cottura.
Spennellate con olio EVO.
Infornate a 250° per 10-15 minuti.

Inoltre, vi rinnovo l’invito alla mia sfida mensile dedicata ai dolci: