Browsing Category

Fagioli

Fagioli/ Patate/ Primi piatti/ Senza categoria

Pasta fagioli e patate

E poi arriva il giorno in cui,
quel paradiso che ti sei costruita con tanto amore e sacrificio, quel paradiso
che ti sembrava tanto forte e indistruttibile, ad un certo punto comincia a
deteriorarsi. Crolla un pezzettino e tu ci metti una toppa perché pensi che,
tutto si possa aggiustare… ma le toppe a lungo andare si notano, non puoi più
mascherarle e ti rendi conto che non è più sufficiente chiudere gli occhi e
sperare che il tuo paradiso non crolli completamente…
Ti rimbocchi le maniche e pensi a
come risolvere il problema, paragoni il tuo paradiso ad una vecchia casa da
ristrutturare, prendi un foglio ed inizi ad elencare le varie modifiche da
fare, l’investimento necessario per raggiungere la ricostruzione e la rinascita
del tuo paradiso… I costi sono alti, i sacrifici anche e ti chiedi se ne valga
o meno la pena… e pensi che si, ne vale la pena, ci metterai tutta te stessa e
a costo di soffrire, ricostruirai quel meraviglioso paradiso che ha saputo
renderti felice per così tanti anni… E sai che forse ce la farai… O comunque ti
basta pensare che ce la farai per sentirti di nuovo viva…

Ogni tanto uno sfogo ci vuole,
vero?
Ma ovviamente questo è un blog di
cucina e devo anche parlare di cibo. Approfitto di questi giorni freschi per godermi
la mia calda pasta fagioli e patate; a casa nostra è un piatto che amiamo
molto, la sua consistenza cremosa è data dalle patate che vengono schiacciate
in fase di cottura, addensando i liquidi.

PASTA FAGIOLI E PATATE
Ingredienti:
250
gr di ditaloni rigati
2
latte da 400 gr di fagioli borlotti
3
grosse patate
1
cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro
4
bicchieri di acqua calda
Sale
e Pepe
Olio
EVO
Aglio
Procedimento:
Sbucciate e tagliate a piccoli cubetti le patate.
In una pentola alta fate soffriggere l’aglio con un
dito d’olio EVO.
Aggiungete le patate e fatele saltare per 10 minuti.
Aggiungete i fagioli con la loro acqua, il concentrato
di pomodoro diluito in mezzo bicchiere d’acqua calda, allungate con 4 bicchieri
d’acqua calda.
Salate e pepate a piacimento.
La cottura è di circa 15 minuti (a seconda della pasta
che utilizzerete), mentre la pasta cuoce dovete, con un mestolo di legno,
schiacciare più patate possibile per creare una bella crema. Se necessario
potete aggiungere dell’altra acqua.
Prima di servire, condite con un goccio d’olio e
lasciate amalgamare per 2 minuti.

 Buon appetito!
More

Carne/ Fagioli/ MTC/ Peperoni/ Secondi piatti/ Senza categoria

Chili con carne e peperoni accompagnato da fagioli piccanti e piadina

Questa volta è stata dura, più di tutte le altre sfide… L’MTC di Aprile, dedicato al Chili con carne mi ha insegnato cosa significa perdere completamente la sensibilità in bocca!!!
Ragazze, quel po po di peperoncini mi ha devastata!!!!! Buono, nulla da dire ma… che fatica riuscire a sentire il gusto fino alla fine del pasto!!! E io ho avuto anche la bella idea di preparare, come contorno, dei fagioli piccanti!!! Sono una furbona!!! Ad un certo punto mi sono ingozzata di piadina per recuperare la mia lingua!!!
Il problema è che non sono abituata a mangiare così piccante!!!!
Ma, a parte tutto ciò, è stata come sempre una bella prova, un modo per testare nuove ricette, per provare sapori inusuali e per scoprire i piatti delle varie tradizioni.
La mia ricetta prevede, oltre alla carne, l’utilizzo dei peperoni, rossi e gialli, che trovo si abbinino perfettamente, perchè conferiscono un sapore intenso e gradevole al piatto.
L’idea dei fagioli piccanti mi è venuta per restare in tema con l’oggetto della sfida “il peperoncino”, e la piadina, nonostante sia un “pane” assolutamente italiano, non stonava affatto!!!
Ma ora, bando alle ciance, ecco la mia versione:

CHILI CON CARNE E PEPERONI
Ingredienti per il chili:
1,5 Kg di polpa manzo tagliata a piccoli cubetti
5 peperoni (3 gialli e 2 rossi)
8 peperoncini calabresi 
Sale
Coriandolo
Origano
Ingredienti per i fagioli piccanti:
500 gr di fagioli rossi freschi
Mezza cipolla rossa
Mezzo spicchio d’aglio
Un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro
2 peperoncini calabresi
Sale
Pepe
Ingredienti per la piadina:
500gr di farina 00

50gr di strutto
250ml di latte
12gr di sale
1 bustina di lievito x dolci

1 cucchiaino di miele

Procedimento:

Spezzettate i peperoncini secchi scuotendone fuori i semi (da eliminare)
e mettete i pezzi in una ciotola, coprite i peperoncini di acqua
bollente e lasciate in infusione per almeno 2 ore.
Lavate i peperoni e fateli scottare in forno per 10 minuti per rendere la pelle più semplice da togliere.
Spellate i peperoni, puliteli e tagliateli a listelle.
Frullate i peperoncini con l’acqua di infusione fino ad ottenere una pasta
leggermente densa. Passatela da un setaccio fine  in modo da eliminare
ogni residuo di pellicine, recuperando quanta piu’ polpa possibile.
Frullate anche i peperoni, lasciandone da parte un po’ (una decina di listelle) e unite la salsa ottenuta al composto di peperoncini.
Mettete la carne e la salsa in una pentola di ghisa, coccio o acciaio
pesante, regolate di sale, aggiungete le spezie e mescolate bene. Fate cuocere coperto
(lasciate una piccolissima fessura perche’ possa uscire il vapore) a
calore dolcissimo per circa 3 ore, controllando ogni tanto. Non e’
necessario far rosolare la carne perche’ il calore forte che sarebbe
necessario ne irrigidisce le fibre, rendendola poi piu’ dura da
cuocere. 
10 minuti prima della fine, aggiungete le listelle di peperone che avevate lasciato da parte.
Prepariamo il contorno: fate lessare i fagioli in acqua per circa 45 minuti, scolateli e metteteli da parte.
In una padella antiaderente preparate un soffritto con mezza cipolla, mezzo spicchio d’aglio, 2 peperoncini aperti, compresi i semini al loro interno.
Versate i fagioli nella pentola, aggiungete mezzo bicchiere d’acqua calda in cui avrete ben sciolto il concentrato di pomodoro.
Aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere finchè i liquidi diventeranno abbastanza densi.
Prepariamo la piadina (ricetta custodita gelosamente e di cui ringrazio Tiziana):
In una ciotola mettete la farina setacciata con il lievito.
Fate un buco al centro e versateci il latte tiepido, aggiungete il sale e il miele.
Impastate con una forchetta e, quando possibile, continuate con le mani.
L’impasto dovrà essere morbido.
Lasciatelo riposare per 15 minuti (io l’ho lasciato un’ora).
Dividete l’impasto in palline, io ne ho fatte 6, e appiattitele.
Stendetele una ad una con un mattarello.
Io le ho cotte in una padella per crepes antiaderente per 5 minuti l’una, girandole una volta per lato.

Con questa ricetta partecipo all’ MTC di Aprile
Fagioli/ Gorgonzola/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria/ Vino

Risotto al gorgonzola, Nebbiolo e fagioli

Buon inizio settimana amiche mie!
Finalmente mi sento molto più sollevata, piano piano i tasselli si compongono e la preparazione del mio matrimonio procede piano piano. Adesso abbiamo  anche il fotografo!!! URRÀÀÀÀÀ!!!!! 
Tra un paio di settimane arriveranno anche le partecipazioni, stampate e imbustate e inizieremo a consegnarle a parenti ed amici. Un tour de force che lascia il segno ma che mi piace un sacco!!! Il mio cervello lavora ininterrotamente e corre di quà e di là senza sosta!!!
Ogni passo in più che facciamo mi solleva l’animo e so che quando arriverà il giorno fatidico e tutto sarà finito mi mancheranno questi momenti…
Ma nella vita di ognuno c’è sempre qualcosa che tiene impegnati, dopo il matrimonio ci saranno i figli, la loro crescita, e un giorno (spero) diventerà nonna… se mi fermo a pensare a queste cose mi rendo conto che c’è sempre qualcosa per essere felici e soddisfatti, c’è sempre un motivo per essere al settimo cielo!!!
Inoltre, ultimamente ho mille idee che mi frullano per la testa, idee legate alla cucina, che spero di riuscire a mettere in pratica, insomma, sono in un periodo FULL IMMERSION!!!
E il mio archivio di ricette e foto cresce sempre più!!! Oggi vi lascio un risottino piemontese che più piemontese di così non si può!!!! Un primo piatto dai sapori forti che una volta provato (con un buon gorgonzola, mi raccomando!!!), sarà il vostro asso nella manica!!!
RISOTTO AL GORGONZOLA, NEBBIOLO E FAGIOLI
Ingredienti:
350 gr di riso Carnaroli
200 gr di gorgonzola dolce
Una lattina da 400 gr di fagioli borlotti
2 Bicchieri di vino Nebbiolo
Brodo (fatto con dado, carota e acqua)
Scalogno
Dado
Olio EVO
Formaggio Grana Grattugiato
Procedimento:
Fate rosolare lo scalogno con dell’olio EVO.
Appena avrete raggiunto la doratura aggiungete il dado e il riso, lasciate che prenda colore.
Aggiungete il Nebbiolo e lasciate cuocere senza altro brodo.
Quando il vino sarà stato assorbito quasi completamente dal riso,
aggiungete un mestolo di brodo e proseguite in questo modo fino a 5
minuti prima della cottura.
A questo punto aggiungete i fagioli.
Al termine della cottura spegnete il fuoco, versate il gorgonzola tagliato a pezzetti e lasciate mantecare per qualche minuto, poi mescolate e servite con una spolverata di grana.
Buona settimana,
More
Fagioli/ Primi piatti/ Riso/ Senza categoria/ Toma/ Vino

Risotto alla toma vino rosso e fagioli

A casa nostra il “padrone dei risotti” è Luca, io posso aiutarlo a tagliare le cipolle ma la realizzazione vera e propria spetta a lui, é diventata una passione irrefrenabile!!!!
Quando arriverà l’estate e i risotti saranno troppo “invernali” e non li mangeremo per un po’… passerà il suo tempo libero in giardino a prendersi cura delle piante e dell’orticello!!!
Mi piace vederlo indaffarato, tutto preso dalle sue cose!!!!!
Io invece non ho il pollice verde, le piante sono un’enigma per me… preferisco dedicarmi alla cucina e coccolarlo con i miei piatti.
A voi la ricetta del risotto preparato sabato scorso.

RISOTTO ALLA TOMA VINO ROSSO E FAGIOLI

Ingredienti (per 4 persone):

12 pugni di riso Carnaroli
Mezzo litro di vino rosso
Brodo di carne (io ho usato il dado di carne S. Martino)
Mezza cipolla
1 dado
400gr di fagioli Borlotti
200gr di toma piemontese (non troppo stagionata)
Olio EVO

Procedimento:
Fate rosolare la cipolla con dell’olio EVO.
Appena avrete raggiunto la doratura aggiungete il dado e il riso, lasciate che prenda colore.
Aggiungete il vino rosso e lasciate cuocere senza altro brodo.
Quando il vino sarà stato assorbito quasi completamente dal riso, aggiungete un mestolo di brodo e proseguite in questo modo fino a 5 minuti prima della cottura.
A questo punto aggiungete i fagioli e la toma tagliata a pezzetti.
Mescolate continuamente per uniformare il formaggio.
Al termine della cottura lasciate riposare qualche minuto per asciugare il risotto.