Browsing Category

Crema pasticcera

Crema pasticcera/ Dolci/ Fragole/ Frutta/ Senza categoria/ Torte

Torta con fragole e crema pasticcera

Che tristezza questo cielo grigio… Io vado con il tempo, ed anche i miei occhi lo fanno.
Se fuori è grigio, cupo e ventoso, mi sento triste e non ho voglia di fare niente!!!! E i miei occhi sono grigiastri.
Se fuori c’è il sole e il cielo è azzurro, il mio animo si rallegra e i miei occhi diventano azzurri.
Succede anche a voi???????
Voglio rallegrarvi però con i colori vivaci di questa torta: il rosso acceso delle fragole (a cui non so resistere!!!!) e il giallo intenso della crema pasticcera!!!!!


TORTA CON FRAGOLE E CREMA PASTICCERA
Ingredienti:
200gr di farina 00 Molino Chiavazza
170gr di zucchero
170gr di burro ammorbidito
2 uova intere + un tuorlo
Scorza grattugiata di un limone
1 cucchiaio di lievito per dolci
1 pizzico di sale

Fragole

Per la Crema pasticcera (la quantità è adatta per una torta di 26cm, altrimenti, se volete una torta più “cremosa” raddoppiate le dosi) :
250ml di latte
25 gr di amido di mais
3 tuorli d’uovo
70gr di zucchero
Mezza bustina di vanillina

Procedimento:
Preparate la base della torta mischiando prima gli ingredienti asciutti:
farina, zucchero, lievito, buccia di limone grattugiata.
Sbattete le uova ed aggiungetele al composto insieme al burro morbido.
Amalgamate per bene gli ingredienti.
Versate il composto in uno stampo per crostate (io uso sembre quelli in silicone), stendetelo meglio che potete!
Cuocere in forno a 180° per 35/40 minuti a seconda del vostro forno.
Mentre la torta cuoce, preparate la crema pasticcera:
fate bollire il latte.
A parte montate i tuorli d’uovo con lo zucchero fino ad aver raggiunto una consistenza cremosa.
Aggiungete una parte del latte e poi piano piano l’amido di mais setacciato con la vanillina.
Versate tutto in un pentolino con il latte avanzato e, continuando a mescolare, portate ad ebollizione.
Lasciate raffreddare.
Sfornate la torta e ricopritela con la crema pasticcera.
Decorate con le fragole precedentemente lavate e tagliate a metà.
Con questa ricetta partecipo al contest di Dani
E al contest di Isa & Mario
E al contest di Pasticciona in cucina
E al contest di Flò per il colore  ROSSO:

Inoltre vi rinnovo l’invito alla mia sfida mensile dedicata ai dolci:

cioccolato/ Crema pasticcera/ Dolci/ Nocciole/ Pan di spagna/ Panna/ Semifreddi/ Senza categoria/ Torte

La tartufata vercellese per il compleanno di Luca

Oggi, 18 marzo, è il compleanno di Luca.
Come vi avevo anticipato, desiderava che provassi a fargli la sua torta preferita: LA TARTUFATA VERCELLESE. Il problema è che lui di solito la acquista in pasticceria e ovviamente chi ha un laboratorio attrezzato e produce dolci per professione, ottiene risultati perfetti… io non ho altro che la mia cucina, le mie fruste elettriche e la mia passione.
Partendo da questi presupposti, ho cercato su internet una ricetta adeguata e l’ho trovata da Lady Cocca, dettagliata e chiara.
Ho seguito tutti i passaggi ma ho avuto qualche problema con i riccioli di cioccolato da distribuire sulla torta: è stato impossibile farli belli grossi e spessi quindi, li ho tenuti così come sono venuti!!!
Morale: a Luca è piaciuta molto, e questo è l’importante!
Ed ecco la ricetta della pasticceria Follis di Vercelli.

TARTUFATA VERCELLESE
Pan di Spagna : 
  • 6 uova
  • 180 g di zucchero
  • 75 g di farina 00
  • 75 g di fecola di patate (io S. Martino)
  • un pizzico di sale
Realizzate il pan di spagna mescolando le uova con lo zucchero per
almeno 20 minuti, aggiungete delicatamente
senza far smontare le uova le due farine setacciate, versate il
composto ottenuto in uno stampo a bordi alti da 24 – 26 cm di diametro (
imburrato ed infarinato ) e lasciate cuocere in forno caldo per 30
minuti a 170 °C. 

Crema Chantilly alle nocciole: 
70 % panna fresca, 30 % crema pasticcera e passata di nocciole.
La
panna fresca ( 1250 ml ) va montata ed aggiunta alla crema pasticcera
ed alla passata di nocciole (bastano un paio di cucchiai perchè deve
solo profumare la crema ). 

Crema pasticcera:
  • 1/2 lt di latte
  • 50 g di farina 00
  • 6 tuorli
  • 150 g di zucchero
  • 1 baccello di vaniglia
  • 2 cucchiai di passata di nocciole

Per un pan di spagna di circa 24/26 cm dimezzate le dosi di panna e crema pasticcera 

Bagna alcoolica:
Mix di Alchermes e Ratafià (
liquore a base di ciliegia molto dolce ), sostituibile con un goccio di
Charry o Maraschino; il tutto diluito con acqua e zucchero. 

Foglia di cioccolato:
  • 200 g di cioccolato fondente ( bastano per le dimensioni di questo PdS )
  • 2 – 3 cucchiai di passata di nocciole
Unire il cioccolato fondente
alla passata di nocciole e lasciar sciogliere a bagnomaria il tutto,
rifare il panetto e lasciar solidificare di nuovo.
  • Granella di nocciole per ricoprire il bordo della torta
  • Zucchero a velo da spolverare abbondantemente sulla torta dopo la copertura di cioccolato
Procedimento:
Tagliare
il Pan di Spagna in 3 strati, inumidirlo leggermente con il mix
alcoolico e farcire con la crema chantilly alle nocciole.
Chiudere con un disco di PdS e spalmare con la restante crema sia i bordi che la superficie.
Con
la granella di nocciole ricoprire per bene il bordo, a questo punto con
il panetto di cioccolato ottenuto prima e riportato alla giusta
morbidezza, fare delle scaglie o dei riccioli con il pelapatate o il
taglia formaggi….
Finire con abbondante zucchero a velo (che io non ho messo).


Con questa ricetta partecipo al contest di “La cultura del frumento

E al contest:
Crema pasticcera/ Crostate/ Dolci/ Frutta/ Frutti di bosco/ Senza categoria

Crostata morbida ai frutti di bosco per il compleanno di mia suocera

Domenica scorsa è stato il compleanno della mamma di Luca, che io considero mia suocera anche se non siamo sposati. Per me la convivenza e il matrimonio si differenziano solo per l’assenza di un contratto firmato dato che la vita quotidiana è sempre la stessa, non manca nulla, si dorme insieme, si condividono le gioie e i dolori, si cena insieme… cosa cambia? Forse un giorno ci sposeremo anche noi, ma per ora siamo felici così!
Dicevo… abbiamo invitato a pranzo i genitori di Luca ed, essendo il compleanno di Mariella, ho pensato ad un dolce adatto per l’occasione e mi sono detta: “forse dovrei fare una torta appariscente, decoratissima e d’effetto…” ma alla fine ho cambiato idea, per un semplice motivo: lei adora le crostate di frutta quindi perchè complicarsi la vita rischiando che il dolce non venga apprezzato nel gusto???? Se lei ama le crostate, crostata sarà! 
Era da un po’ di tempo che, girovagando nel web, avevo notato l’apprezzamento generale verso la famosa “crostata morbida di Marina B” e quale occasione migliore per testarla???? L’ho provata e ne sono rimasta assolutamente soddisfatta! Anche mia suocera l’ha divorata!
Questa base resterà una delle mie preferite per le prossime crostate!


CROSTATA MORBIDA AI FRUTTI DI BOSCO

Ingredienti:

200gr di farina 00 Molino Chiavazza
170gr di zucchero
170gr di burro ammorbidito
2 uova intere + un tuorlo
Scorza grattugiata di un limone
1 cucchiaio di lievito per dolci
1 pizzico di sale

Frutti di bosco

Per la Crema pasticcera (la quantità è adatta per una torta di 26cm, altrimenti, se volete una torta più “cremosa” raddoppiate le dosi) :
250ml di latte
25 gr di amido di mais
3 tuorli d’uovo
70gr di zucchero
Mezza bustina di vanillina

Procedimento:
Preparate la base della torta mischiando prima gli ingredienti asciutti: farina, zucchero, lievito, buccia di limone grattugiata.
Sbattete le uova ed aggiungetele al composto insieme al burro morbido.
Amalgamate per bene gli ingredienti.
Versate il composto in uno stampo per crostate (io uso sembre quelli in silicone), stendetelo meglio che potete!
Cuocere in forno a 180° per 35/40 minuti a seconda del vostro forno.
Mentre la torta cuoce, preparate la crema pasticcera:
fate bollire il latte.
A parte montate i tuorli d’uovo con lo zucchero fino ad aver raggiunto una consistenza cremosa.
Aggiungete una parte del latte e poi piano piano l’amido di mais setacciato con la vanillina.
Versate tutto in un pentolino con il latte avanzato e, continuando a mescolare, portate ad ebollizione.
Lasciate raffreddare.
Sfornate la torta e ricopritela con la crema pasticcera.
Decorate con i frutti di bosco.

Con questa ricetta partecipo al 1° blog compleanno di “La cultura del frumento”:

Ed al contest di About food: